EU COOKIE LAW

Questo sito non usa cookie
per profilare il visitatore.

This site doesn't use any cookie
to track visitor's behavior.
Italiano Inglese Tedesco Francese Spagnolo
Date / Time
 
Aforisma del giorno
Mi sembra che tutti noi guardiamo troppo alla Natura e viviamo troppo poco con essa.

Oscar Wilde
Meteo
Torino, rivoluzione free floating
12 Feb : 16:27  da aib.lauracardin@gmail.com
Ofo, Mobike, oBike, Free@bike ed Enotravel: sono questi i cinque operatori che hanno risposto alla gara indetta dal comune di Torino per ampliare il bike sharing a flusso libero, la bici condivisa che si può prendere e riconsegnare in qualsiasi punto della città. L'obiettivo di Palazzo Civico è disporre di 12.000 biciclette, tradizionali e a pedalata assistita da utilizzare, per un anno, in via sperimentale.

In realtà, il bike sharing libero non è una novità per i torinesi, per due dei cinque operatori che hanno presentato una manifestazione d'interesse si tratta di una riconferma: la cinese Mobike e la piattaforma di Singapore, oBike, hanno già avviato il servizio verso la fine dello scorso anno iniziando, rispettivamente, con 1.000 e 500 biciclette. Anche Gobee.bike, un'altra realtà cinese specializzata nel settore, era presente e ha pure partecipato al bando del comune, ma poi ha deciso di ritirarsi dal mercato non solo in Italia, ma in tutta Europa.

Su 12.000 biciclette che faranno parte della nuova flotta, 9.000 saranno di tipo tradizionale (5.000 di Ofo, 3.000 da parte di Mobike e 1.000 di oBike), mentre le altre 3.000 saranno a pedalata assistita: 2.000 della svizzera Free@bike e 1.000 della Enotravel, start up italiana, specializzata in turismo enogastronomico e mobilità sostenibile, soprattutto elettrica, poco conosciuta ma che, si legge in una nota, si pone come "soluzione italiana del free floating".
Approvata la 1° Legge Nazionale sulla mobilità ciclistica
30 Dec : 16:42  da aib.lauracardin@gmail.com
Giovedì 21 dicembre 2017 è stata approvata la 1° Legge Nazionale sulla mobilità ciclistica: è un momento storico per Fiab e l'Italia.

La prima Legge Nazionale sulla mobilità ciclistica all'art. 1 recita: "La presente legge persegue l'obbiettivo di promuovere l'uso della bicicletta come mezzo di trasporto sia per le esigenze quotidiane sia per le attività turistiche e ricreative....".

Una legge che sancisce, finalmente, che la bicicletta non è un "gioco per il tempo libero" come la si è sempre considerata, ma un vero mezzo di trasporto al pari degli altri, inserito nelle attività di sviluppo del Ministero dei Trasporti e per il quale sono necessari interventi diversi per una crescita adeguata, come si fa per gli altri mezzi di trasporto.
Da Aosta a Palermo: il viaggio del nostro socio Luca
19 Oct : 20:51  da aib.lauracardin@gmail.com
Luca ha attraversato l'Italia in bicicletta, un viaggio che tutti noi vorremmo fare!

Il settimanale di Asti La nuova provincia riporta un articolo dove racconta la vacanza all'insegna dell'avventura.

Leggi l'articolo
Accordo per la ciclovia del Canale Cavour
31 Jan : 10:05  da admin
Torino-Milano lungo il canale Cavour: è stato firmato l’accordo di programma per la realizzazione.

Leggi il documento della Regione cliccando su (Leggi tutto).

Via Francigena: varato il progetto di ciclabile lungo la Valsusa
12 Jan : 18:19  da admin
Un’altra direttrice della grande rete di percorsi che compone la Via Francigena sarà in futuro al servizio del cicloturismo. Si tratta di una ciclabile che collegherà i laghi di Avigliana alle pendici del Moncenisio, transitando per l’Abbazia di Novalesa e per una serie di altri monumenti legati alla storia della Bassa Val Susa.

(fonte: BC)
Libertà di casco: lettera aperta della presidente Fiab al senatore Esposito
04 May : 19:00  da admin
La ripresa dei lavori parlamentari sul nuovo Codice della Strada, fermo in Senato da mesi, è stata segnata dalla riproposizione, da parte del senatore Stefano Esposito (Pd), dell’obbligo di uso del casco per tutti i ciclisti.

Un provvedimento discusso anche in altri Paesi, tutti arrivati alla conclusione – ad eccezione dell’Australia – della sostanziale inefficacia del provvedimento ai fini di una riduzione dell’incidentalità su strada, e di un effetto deterrente rispetto all’obiettivo di un aumento della mobilità ciclabile. Sì, perché safety in numbers, la sicurezza sta prima di tutto, nell’aumento del numero dei ciclisti sulle strade; e poi, piuttosto, nelle pieghe di altri provvedimenti inseriti, tra varie resistenze, nella riforma in discussione del Codice della Strada (ad esempio, zone 30 come standard urbano, adozione del controsenso ciclabile). Resistenze e ritardi che hanno portato tra l’altro a un appello di Fiab al presidente del Senato Pietro Grasso.

(Leggi tutto l'articolo su BC)
Infortunio in itinere: per la Cassazione ha valore retroattivo
26 Apr : 10:14  da admin
L’infortunio in itinere, una delle grandi battaglie vinte dalla Fiab, ha valore retroattivo. Lo ha stabilito una sentenza della Corte di Cassazione che ha dato ragione a un lavoratore che, in bicicletta, era stato investito, nel 2008, da un motociclista mentre tornava a casa alla fine del turno mattiniero.

I giudici hanno riconosciuto il suo diritto a essere risarcito dall’Inail, anche se l’incidente è avvenuto prima della fine del 2015, quando è stata approvata la nuova normativa che, dice il testo della sentenza, è «espressione di istanze sociali largamente presenti da tempo nella comunità, essa non può non essere utilizzata dal giudice in chiave interpretativa al fine di chiarire anche il precetto elastico in vigore precedentemente».

In sostanza la Suprema Corte fissa un precedente molto importante, rilevando l’attenzione sempre crescente con cui il legislatore guarda all’uso della bicicletta per i benefici che porta alla mobilità, all’ambiente e alla salute di tutta la collettività.

(fonte: BC)
Protocollo d'intesa RFI-FIAB. Stazioni più accessibili per la bici.
21 Sep : 14:36  da admin
STAZIONI PIÙ ACCESSIBILI AI VIAGGIATORI CON BICICLETTA

Favorire l’integrazione modale treno+bici, migliorare l’accessibilità delle stazioni e facilitare, a chi usa le due ruote, gli spostamenti in ambito ferroviario (marciapiedi, sottopassaggi pedonali). Attrezzare circa 180 stazioni a livello nazionale, nell’ambito del progetto 500 stazioni di RFI, con stalli dedicati per il parcheggio delle biciclette. Sono gli obiettivi del Protocollo d’Intesa fra la Federazione Italiana Amici della Bicicletta Onlus (FIAB) e Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), siglato a Roma dalla Presidente FIAB, e l'Amministratore Delegato di Rete Ferroviaria Italiana (RFI), in occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile.



Il parcheggio bici alla stazione di Strasburgo
Nasce Bicitalia, la prima mappa della rete cicloturistica nazionale
14 May : 21:22  da admin

Milano, 14 maggio 2014 - Bicitalia, il progetto messo a punto da FIAB - Federazione Italiana Amici della Bicicletta in risposta al bando del Ministero dell'Ambiente, raggiunge con successo il suo ambizioso e fondamentale obiettivo: tracciare una grande mappa aggiornata della rete di ciclovie nazionali che include, a oggi, 18.000 km di strade ciclabili, di cui 10.000 già mappati, 18 itinerari e 50 "ciclovie di qualità". La rete Bicitalia è facilmente consultabile sul sito www.bicitalia.org, completamente rinnovato nella veste grafica e nei contenuti, punto di riferimento imprescindibile per il cicloturismo nel nostro Paese.

Le "ciclovie di qualità" sono itinerari prevalentemente su pista ciclabile che, per caratteristiche del paesaggio, sicurezza e servizi offerti, sono considerati al di sopra della media nazionale. Si tratta di percorsi particolarmente adatti a escursioni anche di una sola giornata. Tra i servizi collaterali mappati da Bicitalia, la proposta Albergabici.it, un innovativo motore di ricerca in tre lingue - italiano, inglese, tedesco - concepito per il mondo del cicloturismo che permette di scegliere tra oltre 2000 strutture ricettive italiane (hotel, bed & breakfast, campeggi, agriturismi, rifugi montani ecc.) che offrono un'accoglienza dedicata ai turisti sulle due ruote.?
Petizione per un ciclo parcheggio a Torino Porta Susa.
16 Mar : 09:06  da admin

Petizione delle Associazioni FIAB di Torino per la realizzazione di un ciclo parcheggio custodito all’interno della stazione ferroviaria di Porta Susa e più in generale nelle stazioni cittadine del Servizio Ferroviario Metropolitano.

Le associazioni di Torino e dintorni aderenti alla FIAB promuovono una petizione per la realizzazione di un ciclo parcheggio custodito all’interno della stazione ferroviaria di Porta Susa. Saranno con un banchetto all’ingresso D sul lato di corso Bolzano (quello più vicino alla vecchia stazione) dal 11 al 15 marzo dalle 16,30 alle 18,30 per raccogliere le firme di tutti coloro che appoggiano l’iniziativa.
 
Vai a pagina  1 2
Menù Principale
· News
· Faq
News del 2018
LuMaMeGiVeSaDo
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728 
 
Seleziona Lingua